martedì 23 settembre 2008

Fuerzabruta in Union square




Spettacolo Off-Broadway... non sapevo cosa aspettarmi.. Off.. sperimentale, quindi.. ma quanto? Acchiappato rush-ticket.. corro in albergo (anzi prendo il metro perché le gambe non reggono e per di più piove), mi vesto comodo, come suggerisce il biglietto, e torno al teatro.. Resto un poco nella lounge, uno scantinato con bar che fa molto festino delle medie, eppoi salgo.. Non vi sono sedie.. palco e platea sono la stessa cosa.. bene.. tutti si accalcano al centro, come animali impauriti.. io resto ai lati (ohhh che coraggioso), osservo (vengo scambiato per un addetto alla sicurezza), fotografo.. Luci rosse e fumo.. Comincia lo spettacolo.. un enorme tapis-roulant rappresenta lo scorrere della vita.. esplosioni, sogni, rapporto uomo-donna, la rottura, sirene sopra le nostre teste, comincia a piovere nel teatro.. si balla e ci si bagna.. esco stravolto e contento.. Un distinto signore con moglie mi stringe la mano complimentandosi.. deve avermi confuso con uno degli attori.. L'attore del fallo :)))

Etichette:

mercoledì 16 luglio 2008

Rose vittoriose e Lamponi


Pensavo che questo abbinamento fosse possibile solo nel campo 'F' di San Rocco... invece, come spesso accade, la vita ci sorprende ed il connubio si è quindi ripetuto, seppur sotto forme, colori, suoni e sapori differenti, all'arena civica di Milano. I Sigur Ròs si sono così, naturalmente, proiettati nell'occhio del ciclone. Lamp(oni), tuoni, fulmini hanno partecipato al concerto, imbrigliati dal vento e dall'energia che dal palco scaturiva, contribuendo a rendere ancora più magica la serata... Forse fin troppo ;)... Il concerto l'ho concluso raggiungendo il palco.. Ad occhi chiusi mi son lasciato trasportare dal suono.. Fino a trovarmi a galleggiare nella musica che, entrando dal ventre, mi ha invaso i polmoni... Aprendo gli occhi mi son trovato faccia a faccia con la fonte delle 'vibrazioni' che hanno, pietosamente e dolcemente, accompagnato tante notti.. Nuove sensazioni vengono indissolubilmente legate a qualcosa che, comunque, scava sempre nel profondo dell'anima.

Etichette:

martedì 1 luglio 2008

Santana e i gnocchi alla romana - Arena di Verona


Lo sciamano, il grande chitarrista coi baffi non incanta... Il concerto inizia puntuale alle 21 quando ancora un fiume di persone si riversa all'interno... Disastrosa l'organizzazione che vende più biglietti che posti disponibili... Santana si concede poco. Belli gli assoli, le parentesi i cui mostra tutta la sua tecnica.. ma non contagia, non scalda. Da segnalare gli ottimi gnocchi alla romana degustati in curva accompagnati da latte intero ++. Nubi temporalesche illuminano il cielo, affascinano e spaventano allo stesso tempo. Prima del bisse raggiungiamo l'uscita rotolando sulla massa umana.. La musica latina non fa per me...

Etichette:

venerdì 27 giugno 2008

I'll work for your love - Brius a S. Siro


L'amore è un lavoro ed il Boss, se ve n'era ancora bisogno, l'ha assolutamente dimostrato... Mai assistito ad un simile concerto... per intensità, partecipazione, gioia e durata... Per meritarsi l'amore, quindi, non basta essere un grande uomo, non basta aver sempre prodotto musica (arte) ad altissimi livelli, non basta aver lottato per chi viene emarginato dalla società... Bruce è sempre in trincea a lavorare (combattere) per difendere quell'ideale di uguaglianza e solidarietà che trasuda dai testi delle sue poesie/canzoni/opere... ed a guadagnarsi tutto l'"amore" che merita. Avevo letto: "le persone, nei confronti di Springsteen, si dividono in due categorie: da una parte c'è chi lo adora, dall'altra c'è chi non è mai stato ad un suo concerto"... che la mia esperienza non ha fatto altro che confermare: "chi assiste ad un concerto di Springsteen non può finire che per adorarlo... o comunque tributargli un enorme rispetto".
Anche Carlotta (al suo primo concerto oceanico) finisce per essere contagiata dall'energia e dalla magia della serata (anche se probabilmente, chiedendoglielo, negherà assolutamente... non credetele).

Etichette:

mercoledì 18 giugno 2008

La palude dei Testaradio


Fango e pioggia, pioggia e fango...Raggiungo Milano (vestito come un boy-scout) col Tribula e la Linda.. Bubu rinuncia al concerto a causa della ferma opposizione da parte del proprio corpo.. 80dipanca... poca roba... Mentre Vally imperversa al telefono da bravo grillo parlante!! Concerto morbido all'arena civica.. Nulla a che vedere con quanto visto al Lazzaretto per intensità e partecipazione (da entrambe le parti)... Suonano 2 ore scegliendo un repertorio piuttosto tranquillo. Bellissima la scenografia con sti tuboni farciti di ogni tipo di magia... fuoco, candele, pioggia argentata e gli schermi a riprendere il video di Jagsaw... artisti fantastici anche nel modo di interpretare la propria immagine!

Etichette:

lunedì 5 maggio 2008

Buon compleanno Carlotta (festa XL)!


Finalmente (purtroppo) la festa XL è arrivata!!! Finalmente perché i preparativi, lunghi e faticosi, sono cominciati mesi prima... l'idea di festeggiare in Piazza Pontida (la casa di Carlotta), le foto, il progetto, la presentazione al Duca, la delusione (sollievo?!?!) di non poter proseguire... gli inviti, Marco e la stampante, l'imbucamento, i fiori, la gialla piena di prosecco, i gnocchi romani fatti e rifatti, i segnaposto (leonzi, volpine e api per Bubù), il cartellone, i biscotti e le torte, il regalo e il vestito... Purtroppo... per gli stessi motivi... E' stato bellissimo partecipare alla preparazione... assaggiare, disegnare, discutere... fare sempre le due di notte ed avere ancora qualcosa su cui lavorare. La serata è trascorsa velocemente, ma già lo sapevamo.. Tutto perfetto (beh, forse qualcosa 'perfettibile'): Cri e Simone (la Domus), i musici (chitarra e fisarmonica), il vino e la sbafatoria, i biscotti e gli ospiti.. Ce ne andiamo per ultimi, dopo aver accompagnato Sonji e aver salutato i padroni di casa, stanchi e con la consapevolezza di non aver potuto seguire tutti gli invitati come avremmo voluto ma con un'altra bella esperienza vissuta.

Etichette:

martedì 29 aprile 2008

ISIS al lattepiù

So, Holy Tears in Brescia (24/4)... solo soletto, purtroppo Pavel ha dovuto rinunciare e Marco non ha accettato il mio invito, mi sono sorbito il concerto degli Isidi al lattepiù di Brescia... 1001, 1002... 14738430... quanto ho dovuto contare prima di perdere definitivamente la speranza (e la pazienza) di trovare questo sperdutissimo locale??? Fuggito dall'allenamento mezz'ora prima (grazie Fusto), nonostante l'aver girovagato per mezza BS, sono giunto proprio sulle prime note del concerto... non sono l'unico Krasty, quindi! Acquisto subito un CD degli Isidi (Oceanic) e mi piazzo di fronte al palco. Poche persone molto tranquille per un concerto bello tirato di circa unoraemezza. A differenza del concerto del Transilvania reggo tutti i pezzi ma me ne vado non molto soddisfatto... poth... Ritiro tre poster all'uscita (per me, Marco e Pavel).. Infine, grande cena all'autogrill di Rovato.

Etichette: